Elisabetta Barone - E-commerce, SEO, Web Marketing | Torino
E-commerce, SEO, Web Marketing

Migliorare il posizionamento Google (senza essere un esperto SEO)
Scopri cosa puoi fare tu stesso per aumentare la visibilità su Google

Spesso mi capita di dover dare consigli su come fare ad aumentare la visibilità su Google del proprio sito web. 

A volte a chiedermelo sono amici, a volte clienti che devono "smazzarsi" una parte del lavoro per non far fare tutto al consulente SEO (e risparmiare qualcosina, ça va sans dire). 

Ho cercato di raccogliere in questo articolo le ottimizzazioni SEO che con un po’ di buon senso e qualche dritta tutti possono mettere in pratica e contribuire così a migliorare il posizionamento del proprio sito.

NOTA: Il posizionamento su Google è un affare complesso, che non voglio banalizzare. Difficilmente un profano riuscirà a dare la scalata alle SERP senza l’aiuto di uno specialista. Detto ciò, anche chi non è un professionista SEO, con un po’ di consapevolezza, potrà dare un contributo importante. Daje!

Ecco gli step che dovrai affrontare per migliorare il posizionamento del tuo sito:

  1. Non pensare a Google (e trova la parola chiave)
  2. L’intento di ricerca: ovvero non fossilizzarti sulla parola chiave
  3. Studia i tuoi competitor
  4. Scrivi qualcosa di veramente speciale
  5. URL SEO friendly e ben strutturate
  6. Title conciso e sincero
  7. Description invitante e completa
  8. Immagini leggere e ottimizzate
  9. Usa intestazioni h1 e h2

1. Non pensare a Google (e trova la parola chiave)

Quando ti metti in testa l’obiettivo di essere primo su Google - obiettivo ambizioso, ma se non si sogna in grande cosa si sogna a fare? - la tua priorità è: non pensare a Google. 

Google pensa a piacere ai suoi utenti, per averne sempre di più e vendere più pubblicità (ahò, non ti scandalizzare: mica è una onlus). E quindi anche tu: pensa a piacere agli utenti di Google, che sono anche i tuoi.

La domanda che ti devi fare è: che cosa potrebbe cercare su Google un mio potenziale cliente / lettore per arrivare su questa pagina e rimanere soddisfatto? In che modo potrebbe formulare la domanda? 

Questa è la strada che ti porterà ad individuare la giusta parola chiave, intorno alla quale fare l’ottimizzazione della tua pagina. La userai come un faro, che ti guiderà nel mare oscuro del disordine mentale fino al porto sicuro della chiarezza di idee. 

Ti sarà quindi utile capire se la chiave di ricerca che hai individuato è effettivamente usata sul web da utenti reali: un tool come Seozoom ti darà la possibilità - anche senza bisogno di avere un account a pagamento - di cercare la parola chiave e farti un’idea del suo volume di ricerca mensile.

2. L’intento di ricerca: ovvero non fossilizzarti sulla parola chiave

La parola chiave è un riferimento, mica più il Sacro Graal come un tempo: cerca di spingerti oltre. Cerca di capire cosa c’è dietro quella ricerca, quali possono essere tutte le sfumature di senso possibili. Lascia la briglia sciolta alle tue sinapsi.

Se cerco "pizza margherita" su Google, cosa voglio sapere veramente?

  • la storia della pizza margherita
  • come fare la pizza margherita
  • dove mangiare una buona pizza margherita
  • i valori nutrizionali della pizza margherita
  • come fare la pizza margherita col Bimby
Che tipo di contenuto mi aspetto di trovare? Un'immagine? Un video? Una guida scritta?

La pagina dei risultati di ricerca di Google (SERP) ci aiuta
  • con i risultati che presenta in pagina, che di solito sono un mix di vari tipi di contenuto
  • con i suggerimenti di ricerca, che compaiono mentre digitiamo una ricerca
  • con le ricerche correlate a fondo pagina
Chiediti adesso a quale specifico intento di ricerca vuoi rispondere: su cosa sei un vero esperto?

suggerimenti di ricerca Google per individuare l'intento di ricerca
Suggerimenti di ricerca di Google


Ricerche correlate di Google per trovare l'intento di ricerca
Ricerche correlate di Google

3. Studia i tuoi competitor

Soffermati sulla SERP e guarda con attenzione chi si posiziona per la parole chiave che ti interessa. Leggi titoli e descrizioni: che intento di ricerca soddisfano questi articoli? Riusciresti a scrivere qualcosa di diverso, che potrebbe intercettare chi ancora non trova quello che cerca?

Trovo utile questa funzionalità di Seozoom (anche questa gratuita) che permette di vedere, cercando una keyword, l’andamento storico dei siti che si posizionano per essa:

Studia i tuoi competitor per migliorare il posizionamento su Google: una funzionalità utile e gratuita di Seozoom

Ci permette di vedere se negli ultimi mesi qualche pagina è salita nel posizionamento, per cercare di capire come mai Google l’ha premiata rispetto ad altre: cos’ha in più?

Dai una scorsa ai singoli articoli: riusciresti a dire qualcosa di diverso, con un taglio diverso, a rispondere ad una domanda che ancora non è pienamente soddisfatta? A scrivere un contenuto migliore, più completo, più efficace? 

La pizza margherita nella lavastoviglie la sai cucinare solo tu: perfetto! Hai trovato la tua strada 👍🏻

4. Scrivi qualcosa di veramente speciale

Ora che hai il target, il contesto, conosci i tuoi competitor, sei pronto a dare sfogo al tuo estro creativo: scrivi come se non ci fosse un domani. Se si tratta di un contenuto già presente, cerca di capire cosa manca, cosa potresti fare per migliorarlo.

Cerca di produrre un testo davvero speciale, che i tuoi lettori adoreranno. Cerca di dire qualcosa che nessuno ha mai detto - o non ha mai detto bene, efficacemente, chiaramente, come te.

Scrivi per dare al web il contenuto che ancora gli manca.

Usa tutti gli strumenti che hai a disposizione per rendere il testo leggibile facilmente e con piacevolezza:

  • articola bene il tuo pensiero, dividendolo in paragrafi e sottoparagrafi
  • non commettere errori grammaticali e refusi
  • usa la punteggiatura
  • usa i grassetti 
  • usa gli elenchi puntati o numerati
  • dai spazio al testo: manda a capo quando è il caso
  • usa immagini quando sono utili e completano il discorso
  • integra video se puoi

5. URL SEO friendly e ben strutturate

Cos’è l’url? In parole povere, è l’indirizzo del tuo contenuto sul web. Si tratta di un contenuto che parla della tua pagina, serve a Google per capirla e posizionarla nel modo giusto.

Dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • essere "friendly" ovvero non essere una stringa avulsa di numeri, lettere, parole inglesi e punti interrogativi. Se il tuo sito si presenta così hai un problema: contatta uno sviluppatore
  • non contenere lettere maiuscole, lettere accentate o caratteri speciali (tra cui il trattino basso _ ). Insomma: falla semplice. E prediligi il trattino alto - 
  • rispecchiare in modo logico la struttura del sito: se il sito contiene un blog con la categoria "ricette con il bimby", la struttura di un articolo contenuto lì dovrebbe essere:
    www.nomesito.it/blog/ricette-con-il-bimby/pizza-margherita 
  • non essere troppo lunghe: si consiglia di stare al di sotto del 115 caratteri, ma non è un dogma. Fatti guidare dal buonsenso
  • contenere la parola chiave per cui stai ottimizzando il tuo contenuto, o almeno parole riconducibili alla stessa area semantica

6. Title conciso e sincero

Title ottimizzato per la SEO

Il title o metatitle è il titolo che Google assegna al tuo contenuto quando lo presenta come risultato di ricerca. Si tratta di un testo molto importante, perché viene considerato un fattore di posizionamento (ovvero uno dei parametri che Google considera quando decide che posizione assegnare).  

Non è il titolo dell’articolo: si tratta di un testo non visibile in pagina. 

Tutti i gestori di siti più comuni prevedono un campo dove inserire il title, in fase di scrittura dell’articolo. 

Un metatitle ottimizzato per la SEO dovrebbe:

  • essere sempre compilato
  • essere unico per ogni pagina 
  • descrivere il contenuto della pagina con chiarezza e sincerità: se poi uno non trova quello che gli viene promesso, ci rimane male - e Google lo sa
  • non essere più lungo di 60/70 caratteri spazi inclusi, per non essere troncato e sprecare così l’opportunità di esprimere un concetto compiuto. Anche se ormai si tratta più di pixel che di caratteri, legati alla risoluzione del dispositivo con cui si consulta Google, darsi un riferimento in questo senso può essere comunque utile
  • contenere la parola chiave di riferimento
  • comprendere il nome del tuo brand (non sprecare questa opportunità di brading)

7. Description invitante e completa

Metadescription ottimizzata per Google

Nella pagina dei risultati di ricerca, la description o metadescription compare sotto il title. È la sola possibilità che hai per dare qualche informazione in più al tuo utente e convincerlo a cliccare.

Come il title, anche questo contenuto non è visibile all’utente che guarda la vostra pagina: è un testo "nascosto", pensato con questo preciso scopo. Nei principali CMS (Wordpress, Joolma, Prestashop...) lo spazio per compilarlo compare di solito dopo quello riservato al title.

Queste sono le caratteristiche che una metadescription ben fatta dovrebbe avere:

  • essere sempre compilata
  • essere unica per ogni pagina 
  • fornire informazioni aggiuntive: stuzzica il tuo lettore facendogli intuire in paese delle meraviglie approderà se clicca - ma sii onesto, Google ti vede 👁
  • contenere un invito all’azione: invoglia l’utente a cliccare, leggere, scoprire, imparare, conoscere i segreti...
  • non essere più lungo di 130/150 caratteri, per non essere brutalmente troncato da Google

8. Immagini leggere e ottimizzate

Le immagini sono importanti. Hai mai sentito l’espressione "un’immagine vale più di mille parole"? Ecco. 

Le tue immagini devono essere contestuali, ovvero fornire info aggiuntive, originali, professionali. Soprattutto se sono immagini di prodotto.

Ma non dimenticare di caricare immagini ottimizzate:

  • compila il campo "alt": cercalo, trovalo e scrivici informazioni riferite al tuo articolo e all’immagine in particolare. È un campo pensato per l’accessibilità, ovvero per fornire un contenuto testuale alternativo agli ipovedenti, che leggono lo schermo attraverso appositi strumenti (screen reader): non snaturarlo anche se lo usi a scopi SEO
  • rinomina i file immagine: è vero che Google è sempre più intelligente ma questo non vuol dire che non abbia bisogno di aiuto. Se carichiamo l’immagine di una pizza fatta col Bimby, chiamiamola: pizza-fatta-col-bimby.jpg
  • le dimensioni contano: mica è una novità. In questo caso però è meglio tenersi leggeri. La leggenda dice di cercare di stare sotto i 100 KB: non prendiamolo come un dogma ma come uno stimolo per alleggerire il più possibile

Usa intestazioni h1 e h2

Articola il tuo contenuto: l’intestazione (h1 è il codice con cui viene taggata) è di solito il titolo dell’articolo (o il nome prodotto della scheda prodotto): non ti devi preoccupare tu di inserirlo. L’h1 concorre come il title al posizionamento della pagina: dovrebbe contenere la parola chiave principale

Preoccupati di inserire le intestazioni secondarie, quelle che organizzano il tuo contenuto in paragrafi e sottoparagrafi: cerca nello strumento di scrittura del tuo sito, troverai in modo di assegnare queste intestazioni.

Per ogni pagina l’h1 dovrebbe essere unico, sotto un h1 possono stare molti h2. Sotto gli h2 possono trovare posto molti h3, secondo questa struttura ideale:

  • h1
    • h2
      • h3
      • h3
      • h3
    • h2
      • h3
      • h3
      • h3

Si arriva fino agli h6, ma non te ne preoccupare: h1 e h2 nella maggior parte dei casi ti saranno più che sufficienti.


Spero di averti dato qualche spunto utile per ottimizzare le tue pagine - anche se non sei un SEO: c’è qualcosa che non ho spiegato bene? Chiedimi pure chiarimenti, i commenti servono a questo!


  • Articolo creato il: 05 Febbraio 2020